Chiudi

San Francesco Antonio Fasani, il santo di Lucera, ‘Sabella Ucchiapirte … a mamma du padre majestre

Pubblichiamo il primo di una serie di articoli firmati da Giuseppe Aufiero, su San Francesco Antonio Fasani, il Padre Maestro,  con l'intento di far conoscere anche alle nuove generazioni la figura del santo di Lucera. 

 

‘Sabella  Ucchiapirte  ………..……   a mamma du padre majestre.

 La santità parte sempre da molto lontano ed in questo caso già dal grembo materno. Isabella Della Monica è stata la mamma del nostro Padre Maestro. Della sua famiglia e delle sue origini sappiamo poco o niente, tranne per ciò che concerne gli avvenimenti legati al nostro Santo. Da tutti era conosciuta con il soprannome “Ucchiapìrte” (Occhiaperti) per la sua intelligenza viva e sagace. Nata nel 1652 ,sappiamo che giovanissima convolò a nozze. Da questo matrimonio nacquero due figli maschi. Rimasta vedova,essendo ancora giovane e fiorente , per allevare e mantenere  i suoi figli,sposò in seconde nozze il potatore Giuseppe Fasani,anch’egli vedovo. Il 06 agosto 1681 ,all’età di 29 anni,partorì il nostro Padre Maestro. Quante coccole e quante attenzioni ebbe per questo figlio. Ma anche questa volta Isabella dovette fare in conti con nostra “Sora Morte corporale” che  dopo appena pochi anni di matrimonio,il 7 giugno del 1684, portava con sé il suo Giuseppe(Péppenill). Per affrontare gli stenti e la miseria e soprattutto per assicurare un futuro solido ai suoi figli,su consiglio pressante dei suoi parenti si dovette ulteriormente  risposare con Francesco  Farinacci,anche lui vedovo e potatore di vigne, da cui nacquero una femmina e un maschio Andrea ,che diverrà anch’egli Frate minore conventuale .Si vuole precisare che risposarsi più volte in quel periodo era dettato solo ed esclusivamente dalle condizioni d’indigenza e miseria in cui si versava. Questa donna onestissima,lavoratrice e timorata di Dio, durante la sua vita non ha fatto altro che combattere tutte le avversità,senza paura di affrontarle sostenuta dalla fede incondizionata nel Signore. Sempre ha vigilato sui suoi figli e soprattutto è stato l’angelo per il suo”Giovanniello”. Da mamma cristiana gli ha insegnato ad amare Gesù e Maria sopra ogni cosa. I frutti si sono visti e che frutti di santità. Quante volte dopo una lunga e strenua giornata di lavoro, l’intera famiglia  pregava e recitava il rosario  in ginocchio davanti all’immagine dell’Immacolata. La sua persona umile è stata sempre discreta e mai ha creato imbarazzo al figlio, basti pensare che anche lei  in vecchiaia, si metteva in fila alla mensa dei poveri per ricevere un mestolo di brodo caldo, senza vantare nessuna prelazione o diritto che sia. Il rispetto e l’amore che il Padre Maestro gli tributava era immenso e quando una volta in compagnia del suo amico del cuore il Vescovo Antonio Lucci, incontrò la sua mamma, egli scese dalla carrozza e gli baciò teneramente e devotamente la mano. Quando il Signore, il 6 settembre del 1729 all’età di 77 anni,decise di chiamarla a sé, il nostro Padre maestro, come avviene per tutti gli uomini,soffrì fortemente la perdita della sua cara mamma terrena, anche se era certo che stava in Paradiso. Con “Sabèlla Ucchiapìrte”, il Signore, ancora una volta, ha dimostrato che si è servito degli ultimi per fare grandi cose .

Giuseppe Aufiero

admin

Redazione

Luceranet.it, un nuovo sito ed un nuovo quotidiano per la città di Lucera, ma il cui sguardo andrà anche al di là della Capitanata.

Luceranet.it, un nuovo sito ed un nuovo quotidiano per la città di Lucera, ma il cui sguardo andrà anche al di là della Capitanata. Cronaca Politica Sport e Curiosità, questi sono alcuni degli ingredienti della nuova testata giornalistica. Qualcuno potrebbe obbiettare che per una realtà come Lucera, i quotidiani on line siano troppi. Mi permetto di non essere d'accordo, in quanto più voci raccontano la realtà, più possono essere divulgati i pareri e le opinioni della gente, dopotutto la democrazia è sopratutto questo. La nostra testata, infatti, è libera e dà libero accesso a chiunque voglia collaborare ed esprimere il proprio pensiero, sottolineo che comunque il rapporto è libero e gratuito. Ringrazio sin da ora chiunque potrà dare la sua la fattiva collaborazione. Dopo essere stato uno degli editori, di Sunday Radio ed una delle sue voci più famose per tantissimi anni, mi appresto ora ad affrontare una nuova avventura, questa volta nel web e spero che questa sia foriera di successi e nuove soddisfazioni. Le premesse e l'entusiasmo ci sono, a voi lettori il giudizio finale.

Lucera / Foggia / Italy

redazione@luceranet.it

Social Counter